Slide Out, si o no?

I sistemi slide out sono nati negli Stati Uniti. L’idea originale, risalente addirittura al 1915, venne al costruttore Gustav Bretteville, che a San Francisco mise a punto quello che chiamava “Automobile Telescoping Apartment”.

Alloggiato sul retro di un Ford Runabout modello T questo primo rudimentale slide out veniva proposto a 100 dollari.
Il meccanismo che permette di ampliare lo spazio vivibile è però complesso e si sono dovuti attendere gli Anni ’90 del secolo scorso prima che questa formula ricomparisse sul mercato, grazie alla motorizzazione elettrica. Oggi la quasi totalità dei veicoli ricreazionali venduti nel Nord America dispone di slide out. E non uno solo: la media è di quasi due elementi estraibili per ciascun veicolo!
In Europa le dimensioni più contenute dei veicoli e una differente cultura nel loro utilizzo non ha favorito la loro diffusione. A un certo punto, Lippert, che negli Stati Uniti è l’azienda leader nella produzione e fornitura di questi sistemi, ha deciso di provare a realizzare uno slide out pensato specificamente per i nostri mercati (qui l’articolo). Adria ha colto al volo questa possibilità presentando i Compact Plus: vista l’accoglienza “tiepida” da parte del pubblico italiano non sono più presenti come proposta commerciale per il nostro paese, ma vengono ancora prodotti e venduti su altri mercati.
Il progetto Lippert era forse un po’ in anticipo sui tempi, o forse richiede più tempo per una completa accettazione, ma non è stato abbandonato e lo scorso anno è stata lanciata la campagna “Slide out your van” (www.slideoutyourvan.com) in tutta Europa per farlo conoscere al grande pubblico.
L’idea sembra molto valida, perché in veicoli della classe di lunghezza intorno ai sei metri si possono ricavare spazi vivibili equivalenti a quelli di camper ben più lunghi, guadagnando in maneggevolezza, facilità di parcheggio e spendendo meno, per esempio, sui traghetti. Di contro, bisogna valutare il fatto che in caso di sosta libera si è un po’ più “visibili” e quindi soggetti a una possibile contestazione di campeggio.

Articoli Correlati