calanchiole end 11.02.21

È tempo di Törggelen

Vino novello, piatti tipici, escursioni e un paesaggio autunnale mozzafiato: la quinta stagione dell’Alto Adige ha il profumo e il sapore dell’autenticità.

©Brixen Herbstwandern Alex Filz

C’è un momento dell’anno in cui l’Alto Adige rompe tutti gli schemi e si presenta sotto una luce meno usuale: non solo piste da sci o boschi dove trovare refrigerio, ma anche un luogo speciale dove il gusto, la convivialità, la tradizione e la modernità si fondono in un mix unico. Durante il periodo autunnale, infatti, si vive il Törggelen, una tradizione talmente importante per l’Alto Adige da meritarsi la definizione di “quinta stagione”.

Da ottobre fino all’inizio dell’Avvento il territorio celebra un’antica tradizione della cultura quotidiana altoatesina che racchiude il meglio dell’ospitalità: a partire da inizio ottobre le porte dei masi si spalancheranno e nelle tipiche “stuben” si potrà assaggiare il “Nuien” – il vino nuovo – accompagnato da prodotti tipici locali. Un’usanza che si è mantenuta nel corso dei secoli: oggi come ieri la gente passeggia lungo sentieri circondati da vigneti e boschi di castagni degustando le delizie del luogo. E se un tempo erano i visitatori a portare il cibo durante le visite ai viticoltori, oggi sono proprio i produttori a offrire le proprie specialità: vino, il celebre Sußer – dolce mosto – e altre pietanze tipiche della stagione come lo speck, la zuppa d’orzo o la “Schlachtplatte” – un piatto con diversi tipi di carne, costolette, crauti e patate. E dulcis in fundo grappe, castagne e “Krapfen” ripieni di marmellata fatta in casa.

Il Törggelen: una tradizione che si racconta con i propri simboli

Il Foliage e le passeggiate: la stagione del Törggelen è l’autunno, un momento di grande bellezza per l’intero paesaggio. Passeggiare tra boschi di castagni e vigneti in festa, riempiendosi gli occhi di tinte decise e suggestive come l’arancio e l’ocra. Perché una conditio sine qua non di questo importante appuntamento è che i masi e i Buschenschänke si raggiungono rigorosamente a piedi. Una chance per battere sentieri tematici inediti e affascinanti attraverso i quali scoprire i prodotti del luogo.

La Stube: è il soggiorno delle case tradizionali altoatesine. Un simbolo della convivialità: la gente si riuniva in questa sala per condividere i pasti e rivedersi dopo una giornata di intenso lavoro nei campi. Per secoli è stato il luogo in cui si attendeva che la durezza dell’inverno venisse spazzata via dalla piacevolezza della primavera. In un tempo in cui non esistevano telefoni, TV e laptop, in montagna ci si riuniva in questa stanza, per cantare e giocare a carte con i vicini. La stube, però, non si trovava solo nelle abitazioni e nei masi, ma anche nelle locande tipiche dell’area alpina. Al caldo della sua stufa i contadini sedevano accanto agli avvocati e i commercianti potevano conversare con i politici: era un luogo di aggregazione sociale, in cui i discorsi sul tempo si mescolavano alle dissertazioni filosofiche.

Il Vino novello: in autunno gli amanti del vino si recavano presso i produttori ad assaggiare la nuova annata. Anche gli osti, che si rifornivano di vino direttamente dal produttore, volevano testare personalmente la qualità del vino nuovo. In origine la degustazione aveva luogo in cantina. Qui si trovavano le presse da vino fatte di legno, i cosiddetti Torggl, il cui nome deriva dal latino torquere – pressare.

Le castagne: un frutto molto importante nell’alimentazione della gente del luogo perché la popolazione meno abbiente le usava per produrre farina. Inoltre, il legno del castagno, ricco di acido tannico e quindi durevole, serviva e serve tuttora a produrre i sostegni per le vigne.

Articoli Correlati

Internet per la famiglia con il router Teleco WiFi VAN T400 

Per liberarvi dal giogo delle linee Wi-Fi di campeggi e aree di sosta, sempre troppo congestionate e lente, TELECO propone il nuovo router portatile...

Bürstner continuerà a sostenere “Camper e protezione del clima” nel 2021

La protezione dell'ambiente e il clima sono importanti. Così importante che Bürstner ha nuovamente confermato il suo impegno come membro sostenitore dell'associazione "Wohnmobil fuer...

Caravaning: Più libertà durante la pandemia

Andamento positivo, nonostante l’emergenza COVID Godere le vacanze nel pieno rispetto delle regole e più libertà – anche durante le visite natalizie Pranzi...

I NOSTRI SOCIAL

19,635FansMi piace
0FollowerSegui
1,220FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

Laika Ecovip L 3019 I Vita in Camper test video

0
Camper Laika Ecovip L 3019 - profilato - doppio pavimento - my2021 https://youtu.be/ftOutf8h2_g Una vera e propria camera da letto con letti singoli longitudinali in un...

VIDEO | PROVA CI Sinfonia 85

1
CI Sinfonia 85 - Mansardato con letti gemelli e grande garage, un full optional per la famiglia esigente o per la coppia che vuole...

PROVA Weinsberg Carabus 541 MQ

0
weinsberg carabus 541 mq
https://youtu.be/QOsTXUq5swE Weinsberg Carabus 541 MQ

CAMPER, DOVE SI PUÒ ANDARE E DOVE NO PER LE VACANZE

0
  Vi state chiedendo dove si può andare e dove no in camper per le vacanze durante le imminenti feste natalizie? Bene, da viaggiatori e...

Hymer: leggeri e su Mercedes

0
Sono stati presentati alla fiera CMT di Stoccarda i nuovi motorhome su base meccanica Mercedes-Benz Sprinter pensati per gli estimatori della meccanica tedesca, ma...

Andata e ritorno alla scoperta del mitico Capo Nord

0
Verso Nordkapp
Capo Nord rappresenta una sorta di luogo sacro per i camperisti, i quali vi si devono recare almeno una volta nella vita. Ma “il...

Romano Caravans | dal 1987 in Campania

0
La qualità è quella del prodotto, la soddisfazione è del cliente: è questa la filosofia che dal 1987 segue Romano Caravans, concessionario in esclusiva...

A spasso per l’Italia: 7 itinerari per voi!

0
Lago di Garda, Sirmione
Una sintesi di alcuni itinerari italiani scelti per ripartire con serenità alla scoperta del nostro Paese. Cari amici siamo tutti bloccati nelle nostre case o...