Esterna anteriore

CI Elliot Easy 655

Gas

Senza Gas si può

Comments (3) Aziende, Mercato

Edi.Car: l’azienda piemontese leader nella produzione di portamoto

Da più di venticinque anni collabora con le più importanti case produttrici di camper, con prodotti innovativi e di qualità, omolologati in Italia e all’estero

  • Scoter su un portamoto Edi.Car
    Scoter su un portamoto Edi.Car
  • Il portamoto Edicar montato su un camper Dethleffs
    Il portamoto Edicar montato su un camper Dethleffs
  • Il portamoto Edicar montato su un camper Hymer
    Il portamoto Edicar montato su un camper Hymer
  • Il portamoto Edicar montato su un camper Roller Team
    Il portamoto Edicar montato su un camper Roller Team
  • Il portamoto Edicar montato su un camper Arca
    Il portamoto Edicar montato su un camper Arca

La piemontese Edi.car è riuscita ad imporsi sul mercato con il suo innovativo prodotto, diventando il partner di fiducia delle più importanti case produttrici italiane ed estere: Mobilvetta, la prima azienda con cui ha collaborato, e a seguire, Bürstner, Dethleffs e Fleurette. E pensare che il tutto è iniziato per caso: il titolare Edi Bove da adolescente era appassionato di motocross. Suo padre aveva un’officina di saldatura e per poter trasportare al meglio la sua moto, Edi aguzzò l’ingegno creando il primo portamoto su gancio traino. Il prodotto venne poi brevettato e da lì alla nascita della Edi.car il passo fu breve.

All’inizio la produzione era destinata soltanto ai privati: ma il prodotto era così funzionale, che iniziò la collaborazione con le case produttrici di camper. Nel 1982 ha inizio la produzione su larga scala di portamoto e portabici su gancio traino, instaurando partnership con numerosi team di enduro e motocross e dando inizio alla collaborazione con Dimatec, di cui Edi.car è fornitore di portabici a parete. Sin dall’inizio, l’azienda ha  prestato grande attenzione all’evoluzione del mercato, mettendo a punto soluzioni innovative e in grado di soddisfare le diverse richieste del pubblico. Per questo, si è specializzata nella produzione di portamoto a telaio retrattili, sospendendo quella dei portabici a parete e dando avvio, nel 1996, alla produzione di portabici a telaio omologati come unici esemplari. Estremamente ampia l’offerta a catalogo: dall’azienda di Nichelino, in provincia di Torino, escono portabici per furgoni, portabici sui timoni roulotte, il motobox utilizzato per l’interno dei garage con la rampa di salita a scomparsa nella canalina e prodotti affini, quali l’archetto a pavimento fermaruota. Punto di forza dell’azienda è sicuramente la grande attenzione riservata alla produzione di ogni singolo pezzo: buona parte del lavoro è ancora eseguita artigianalmente, secondo criteri mirati alla personalizzazione di ogni prodotto e all’ottenimento della qualità assoluta. Non è un caso che le soluzioni Edi.car siano certificate sia in Italia sia all’estero. Resterete sorpresi dal fatto che, a garantire qualità e innovazione sia un’azienda con uno staff di solo otto persone, tutte motivate e decise a dare il meglio per soddisfare il cliente finale. Anche il camper laboratorio di Vita in Camper è attrezzato con il portamoto di Edi.car, di cui vi abbiamo illustrato le applicazioni sul numero 23 (Vedi pagina 62). Parte integrante della carrozzeria, non richiede né la targa ripetitrice ne il cartello di carichi sporgenti.

www.edicar.it

gennaio 2009

3 Responses to Edi.Car: l’azienda piemontese leader nella produzione di portamoto

  1. mario giacomello scrive:

    cerco un portamoto per il mio camper, il mio camper è già dotato sin dall'origine di allungamenti (montati dall'allestitore ed omologati) allo scopo, tutti gli interpellati mi dicono che bisogna toglierli e montare i loro, il venditore dice no, si rovinerebbe la cellula

    • Flavio Ferrari scrive:

      Caro Mario prova a contattare direttamente Edi.Car per un confronto, sapranno sicuramente darti delle risposte qualificate.

  2. Giuseppe Roma scrive:

    Credo che il problema sia legato all'omologazione di quel che montano … il loro è omologato così com'è con minime trasformazioni …. Solo parlando direttamente con loro potrai avere un'idea di quanto possano aiutarti a trovare la soluzione ideale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *