Parmense e Lunigiana: lungo la Via Emilia verso il...

Orvieto: visitarla a Natale

Comments (0) Arte Cultura e Storia, Basilicata, Città e Borghi, Dove Andare, Italia, Mete, Natura, Sapori e tradizione, Viaggi

Matera: i Sassi e il Presepe Vivente più grande del mondo

Grotte scavate nel tufo, un dedalo di vicoli che attraversa la Murgia e una straordinaria cornice di Sassi abitati fino ai primi anni Cinquanta.

Matera, I sassi

Matera, I sassi

È una città unica, di quelle che lasciano il visitatore davvero a bocca aperta davanti a uno scenario che definire incantevole è poco. Matera è una città dal fascino antico, che ha fatto della semplicità il suo punto di forza. Perché a renderla così emozionante, sin da quando si incomincia a intravederne da lontano il profilo, sono sassi, i famosissimi Sassi di Matera dichiarati dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Nucleo antico della città, i Sassi sono stati abitati da migliaia di persone fino al 1952, quando una legge dello Stato ne ha decretato lo sfollamento per motivi igienico-sanitari. Vicoli e scale, grotte e cisterne, archi e terrazze sono scavate in un groviglio tanto tortuoso quanto affascinante nel tufo della Gravina di Matera. Dopo l’allontanamento di quanti vi abitavano, i Sassi hanno attraversato un periodo di degrado e di abbandono: nonostante non vi sia una netta separazione con il resto della città, almeno fino ai primi anni Novanta, quando è arrivato il riconoscimento da parte dell’Unesco, sono stati dimenticati, quasi ignorati. Oggi si è consapevoli dell’importanza di rivalutare tale Patrimonio, che consigliamo di scoprire con una bella passeggiata a piedi, partendo dalla Villa Comunale con direzione via Pentasuglia. Si giunge quindi al Sasso Barisano, dove, fino al Seicento esisteva la contrada medievale di San Giorgio al Paradiso, che deve il nome all’omonima chiesa rupestre, oggi sconsacrata. La contrada è diventata nota, negli anni, semplicemente come “Il Paradiso”: nei suoi 40 metri di profondità, il sito rupestre di San Giorgio al Paradiso ripercorre mille anni di storia materana. Poco distante, in via San Giovanni Vecchio 60, ha sede il Museo Laboratorio della Civiltà Contadina: all’interno si trovano interessanti testimonianze degli antichi mestieri, tra cui il contadino, l’arrotino, il vasaio, il conciapelle… Passando accanto al Monastero di Sant’Agostino, potrete ammirare la Murgia Timone, il profondo canyon scavato dal torrente Gravina.

Matera, Chiesa di San Pietro Barisano

Matera, Chiesa di San Pietro Barisano

Pochi passi e si entra nella Civita, il cuore antico della città: racchiusa nelle mura fin dal XVI secolo, rappresenta una sorta di fortezza naturale circondata dai dirupi e dal burrone della Gravina, che l’hanno resa in passato immune agli attacchi degli invasori. Nella parte più alta si trovano il Duomo, che svetta sui Sassi, e il rione Castelvecchio, con numerose fortificazioni di epoca medievale. Interessanti da vedere anche i resti delle numerose torri che cingevano la Civita: la Metellana, che guarda al Sasso Barisano e la Torre Quadra e la Torre Capone sul versante Caveoso. Poco più avanti, vi accoglie il meraviglioso complesso monastico rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci, che nel 1213 ospitò, come vecchio monastero, penitenti palestinesi. Visitate anche la Casa Grotta di vico Solitario, occasione unica per rendersi conto di come si viveva nei Sassi prima dell’abbandono. E nel periodo dell’Avvento e a Natale non perdetevi il Presepe Vivente di Matera: con la partecipazione di diverse centinaia di figuranti su un percorso di 700 metri, è considerato il più grande presepe vivente al mondo.

Matera di notte

Matera di notte

SPECIALITA’ DA GUSTARE
Piatto di origine contadina, l’acquasale è una zuppa gustosissima preparata con cipolla, pomodori, un pizzico di peperoncino e pane raffermo. Capretto, cacio e uova è una ghiotta combinazione spesso servita come antipasto: è il piatto principe dei pranzi di Pasqua. La torta di ricotta, a base di pasta frolla e con ripieno a base di ricotta, cedro, zucchero, buccia di limone e uova, è il classico dei dolci.

SOSTA CAMPER
Area camper presso la Masseria del Pantaleone, in Contrada Chiancalata 27 a Matera, con pozzetto chimico per lo scarico delle acque nere, presa elettrica, attacco all’acqua potabile e scarico delle acque grigie. Info Tel. 083 5335239 – www.agriturismopantaleonematera.it

AA via dei Normanni

Area Camper Matera c/da Pedale della Palomba www.areacampermatera.it

Area Camper di Masseria Radogna S.S. 7 Ex Appia in direzione Taranto, Km 583
Contrada Murgia Timone – Matera

LEGGI ANCHE Affascinante Lucania: un viaggio all’estremità della nostra penisola

Matera, i Sassi particolare

Matera, i Sassi particolare

 

 

Comments are closed.