ponte di Mostar

Bosnia: sapore vero e natura incontaminata

Area Attrezzata, I platani – un riferimento per i...

Comments (0) Dove Andare, Europa

Natale tra Vienna e Bratislava

Vienna, la capitale austriaca, è stata a capo di un impero fino alla fine del primo conflitto mondiale. Visitiamo i monumenti e i fasti di quell’epoca, come le architetture contemporanee dell’Austria moderna, tra cultura e curiosità, buona tavola e shopping natalizio.

Bratislava, capitale della Slovacchia, è una cittadina deliziosa. Due capitali molto vicine, e tra loro il Burgenland, che in inverno si anima con i mercatini dell’Avvento.

Il nostro viaggio invernale, ci fa puntare il camper a est per respirare le atmosfere di Vienna e Bratislava.
Tra Vienna e il valico italiano di Tarvisio ci sono meno di quattrocento chilometri, tra Vienna e Bratislava una cinquantina.

 

Cominciamo da Vienna: la sosta in camper è poco problematica: l’area attrezzata è nei pressi dell’uscita dell’autostrada e vicina alla stazione della metropolitana.

Non resta che organizzarci sulle priorità da visitare proiettandoci con la mente verso il Danubio, la ruota del Prater e l’aroma invitante di Sacher Torte.

Ma nella capitale austriaca il tempo non si è fermato ai fasti dell’antico impero austroungarico: convivono la modernità e il dinamismo di una città intelligente, cultura e divertimento.

A dicembre, poi, i mercatini di Natale, i concerti e le strade illuminate a festa creano un’atmosfera ancora più suggestiva.

Schoenbrunn, il palazzo imperiale

Cominciamo la visita con i fasti del passato, la visita allo Schoenbrunn Schloss, il palazzo che un tempo fu residenza estiva imperiale.

Il Belvedere dei Savoia

Oltre a Schoenbrunn e alla Hofburg, c’è un altro palazzo davvero sontuoso, forse il più maestoso di Vienna e certamente tra i più affascinanti del mondo, che si lega alla storia dei Savoia.

Il Duomo, anima della città

Spostiamoci ora nel centro di Vienna, dove svetta uno dei simboli più amati dagli abitanti: la cattedrale di Santo Stefano, in Stephansplatz.

Attorno alla Hofburg sono numerosi i palazzi dell’aristocrazia cittadina che rappresentano un vero monumento all’architettura urbanistica d’un tempo.
Splendidi quelli lungo la Herrengasse, impreziosita da facciate che meritano una passeggiata a naso in su, così come gli edifici di Josephplatz o Lobkovitzplatz.

Vienna non è solo memoria storica: è anche presente e futuro. A fare da contraltare ai palazzi signorili ci sono numerosi nuovi edifici e quartieri, sorti in piena armonia con il passato. Se vi recate verso il palazzo dell’Onu, non mancate la visita alla Donau-City, un polo multifunzionale che ha visto all’opera la creatività di ottimi architetti.

Un giorno al museo

Se invece volete tuffarvi tra arte, storia e curiosità, non manca la scelta fra i numerosi musei decisamente ben gestiti. Si può iniziare con il Kunsthistorisches Museum, scrigno di capolavori che vanno dalla collezione di quadri di Bruege

ai dipinti dei maestri italiani quali Tiziano, Tintoretto, Raffaello (qui è custodita la sua Madonna del Prato), fino alle opere di Rubens, Vermeer, Rembrant, per citare solo alcuni dei maestri visibili.

E se volete rendere la visita al museo un’esperienza unica regalatevi anche la cena che ogni giovedì sera viene allestita nella Sala della Cupola.

Arte fra Cinque e Seicento al Museo di Arte barocca, Otto e Novecento nel Museo del XIX e XX secolo e opere di artisti moderni e contemporanei al Museo di Arte moderna.

Se amate invece la natura e le scienze troverete minerali e materiale antropologico al Naturhistorisches Museum di Scienze naturali, mentre innovazioni e ingegno trovano spazio al Museo della Scienza e della Tecnica.

Prelibatezze

Vienna è rinomata per i suoi caffè e per le pasticcerie: un caffè viennese accompagnato dalla torta Sacher è una tappa obbligata. I veri templi di questo dolce al cioccolato sono la pasticceria Demel e l’Hotel Sacher, che contende la ricetta originale dell’omonima torta al Demel. Provate anche i Buchteln, le focaccine dolci con la marmellata ottime quelle di Hawelka.

Area Camper

Perfektastraße 49, 1230 Wien, Austria

Di recente costruzione e aperta tutto l’anno, ha fasce di prezzo nell’ordine dei venti euro a seconda dei servizi e della grandezza della piazzola scelti. È uno dei più grandi parcheggi per camper in Europa.

Nel progetto, particolare attenzione è stata posta al comfort degli ospiti, con un ottimo rapporto fra piazzole e attrezzatura.

Il camper service è costruito affinché possa servire quattro camper alla volta. Inoltre ci sono cinque vuotatoi per le cassette WC.
A richiesta si può avere l’allacciamento elettrico con resistenza da 10 ampere, così come con pochi spiccioli si può accedere alla rete W-Lan.

Verso Bratislava…

A 60 km da Vienna, possiamo decidere se spostare il camper o raggiungere la città in treno.

Si presenta come una bella cittadina ordinata, ordinata e tranquilla. La vivace vita serale e le tante cose da vedere in modo più approfondito potrebbero valere l’opzione di pernottare in città. Simbolo della città è il Castello, che domina la città dall’alto di una collina.

Dal Castello, percorrendo la via Zidovska, si attraversa il Quartiere Ebraico, o meglio, quel che ne resta dopo le demolizioni per far spazio al Ponte Nuovo.

Interessante nel quartiere è la “casa più stretta dell’Europa centrale”, in stile rococò, e che ospita il Museo degli Orologi.

Perfettamente conservata è invece la Città Vecchia Staré Mesto. Tutta pedonale, ha come fulcro la Piazza Principale Hlavné namestie, dominata dal Palazzo del Municipio e la sua torre.

Tutta pedonale, ha come fulcro la Piazza Principale Hlavné namestie, dominata dal Palazzo del Municipio e la sua torre. Qui si concentrano un gran numero di localini e ristoranti per tutti i gusti.

 

Il centro storico è una teoria di palazzi antichi ben conservati, vicoli e piazze, tra queste Piazza Hviezdoslav sulla quale si affacciano il Teatro Nazionale e quello della Filarmonica.

Questo è anche il posto giusto per cimentarsi con i pattini da ghiaccio. Il centro storico è dominato dalla gotica Chiesa di San Martino, la più importante della città.

 

Altra curiosità architettonica è la Chiesa Blu per il colore delle facciate blu turchese: fu costruita nel 1907, è in stile Art Nouveau. Interessante anche la zona circostante la chiesa, con case e palazzi con elementi Nouveau.

Qui di seguito, la mappa del Burgenland:

 

 

Lascia un commento