arbatax

Santa Maria Navarrese e dintorni: un’idea per l’estate in...

Venosa

Sorprendente Venosa in primavera

Comments (17) Città e Borghi, Dove Andare, In bici, Italia, Liguria, Mare, Mete, Sport e Avventura, Viaggi

Ciclovia Levanto-Framura: pedalare a strapiombo sul mare

 

Alla portata di tutti, lungo il tracciato di un’antica ferrovia tra gallerie con volte in mattoni e scorci sul mare con accessi a piccole spiagge deliziose. Perfetto in ogni stagione.

pista ciclopedonale levanto framura

C’era una volta un treno… Potrebbe iniziare così questa storia, e davvero c’era una volta un treno che sbuffava fumo sporcando i volti dei passeggeri che dovevano sopportarlo quando il convoglio si infilava nelle buie gallerie. Primissimi anni del ‘900, era l’epoca ruggente per le locomotive, e per costruire le gallerie si usava la dinamite e poi si costruivano le volte posando un mattone pieno dietro l’altro. Coprire la tratta tra Genova e Pisa era ora solo questione di ore e non più di giorni. Poi i treni sono diventati più grandi, veloci, frequenti e la linea ferroviaria fu ricostruita più a monte con altri criteri e, nel 1970, questa opera d’ingegno è andata in disuso, a volte riconvertita in sede stradale, lasciata alla mercé della natura che l’ha riassorbita.

Negli anni ’90, la nuova sensibilità degli amministratori nei confronti del cicloturismo permise ai comuni di Levanto e Bonassola, in provincia di La Spezia, di accordarsi per ripristinare come ciclovia il tracciato ferroviario tra i due comuni, circa due chilometri di buon senso e lungimiranza. L’anno successivo, e siamo nel 2011, la pista da Bonassola raggiunge Framura, altri tre chilometri! E viene ribattezzata Pista Ciclo Pedonale MareMonti. Non solo, a Framura un ascensore collega la “ferrovia” con il porticciolo del centro levantino. Ma il sogno continua… Si aspettano i fondi per collegare, sfruttando lo stesso tracciato ferroviario, Levanto a Monterosso, mentre il sogno di estendere la pista da Framura verso Deiva Marina si è infranto contro le frane e i crolli del 2013.

Il camper si parcheggia a Levanto, di fronte alla stazione ferroviaria: inforcate le biciclette si raggiunge la zona Valle Santa nell’area del rinnovato frontemare. Qui inizia l’avventura verso Bonassola in un tracciato quasi totalmente in galleria che di quando in quando si apre sul mare, come in corrispondenza del villaggio turistico La Francesca. Raggiunta Bonassola la pista attraversa il borgo sempre seguendo il vecchio tracciato ferroviario per terminare a Framura, in corrispondenza della stazione e dove incontra la nuova ferrovia. Il percorso è tutto asfaltato, protetto, perfetto anche con i bambini e con qualunque tipo di bicicletta. E non solo: camminate, jogging, pattini, skate! La segnaletica orizzontale divide tanto i due sensi di marcia, quanto la corsia riservata ai pedoni. Le gallerie sono illuminate e restaurate, con aperture e balconate in corrispondenza degli scorci più belli. Vi sono inoltre accessi al mare e piccole spiagge raggiungibili esclusivamente dalla galleria e altrimenti inaccessibili se non in barca, come la magnifica caletta di Porto Pidocchio. Un buon pedalatore copre la distanza in una ventina di minuti. Il percorso è pianeggiante. Per coloro che volessero raggiungere Levanto o le altre località del percorso in treno, ricordiamo che la regione Liguria permette il trasporto gratuito delle biciclette sui convogli con carrozza attrezzata.

maremonti

Cosa vedo, cosa trovo

Levanto ha una storia molto antica, come testimoniano le tombe a cassetta risalenti all’età del ferro. I primi abitanti del territorio furono presumibilmente i Liguri cui seguirono i Romani. Nel 1164 Federico Barbarossa cedette Levanto alla famiglia dei Malaspina che dominò fino al 1211. Successivamente il borgo aderì alla Repubblica di Genova. La dominazione napoleonica accompagnò Levanto fino alla creazione del Regno d’Italia. In ogni epoca questa piccola perla si è caratterizzata per la ricchezza dei commerci che le hanno permesso di espandersi, come dimostrano i palazzi e le ville signorili disseminate su tutto il territorio. Da un punto di vista naturalistico Levanto deve la sua fama al fatto di essere posta al centro di una suggestiva valle, le cui dorsali, il promontorio del Mesco e la punta di Levanto, finiscono in mare creando uno splendido scenario ricco di boschi, ulivi e vigne. A ciò si aggiunga che il Promontorio del Mesco è stato inserito nel Parco Nazionale delle Cinque Terre e che la bellezza dei fondali ha reso il tratto di mare antistante il promontorio il cuore della Riserva Marina delle Cinque Terre.

Bonassola: tranquillo e delizioso borgo marinaro, con spiaggia e scogli alle estremità del suo piccolo golfo. Mare cristallino e ricca e di notevole valore naturalistico rete dei sentieri per trekking.

Framura: la pista ciclo pedonale termina in prossimità del porticciolo. Magnifiche spiagge da raggiungere a piedi. Il paese, caratteristico borgo ligure immerso nella natura, si trova in collina. Possibilità di escursioni, diving e snorkeling alla scoperta dei fondali marini e dei numerosi relitti che si trovano davanti la costa di Framura.

Quando percorrerlo

Il percorso è adatto a tutte le stagioni. Perfetto in primavera e autunno; in estate consente anche la balneazione. Ma è bello anche in inverno nelle giornate di sole.

pista ciclopedonale maremonti

Sosta Camper

Area sosta attrezzata, nel parcheggio dietro la stazione FS, sulla strada d’entrata del paese, 16 posti.
Area attrezzata sosta camper località Moltedi sulla strada per la A12, vicino sottopasso stazione F.S., grande, con acqua. Zona trafficata, rumorosa, asfaltata, poco ombreggiata, discretamente illuminata, centro cittadino e lungomare a 15 minuti.
Al lato del distributore AGIP, pochi posti. Coordinate GPS N 44° 10.502 – E 9° 37.105.
Camping Acqua Dolce, Via Guido Semenza, 5

Camping Albero D’Oro: immerso nel Parco Nazionale delle Cinque Terre, alle spalle di Levanto. Le piazzole per camper si trovano in una zona pianeggiante, ombreggiata con ampio parcheggio, sono tutte dotate di connessione elettrica. Il camping è raggiungibile uscendo al casello autostradale di Carrodano-Levanto sulla A12 Genova-Livorno e seguendo poi le indicazioni per Levanto.

Camping San Michele: a 2 km dal centro di Levanto, immerso nel verde del Parco Nazionale delle Cinque Terre. Dall’autostrada A12, uscire a Carrodano-Levanto e seguire le indicazioni per Levanto (circa 12km).

Camping 5 Terre Levanto: immerso in un fresco bosco in località Sella Meretti

pista ciclopedonale maremonti2

Noleggio Bici

A Levanto:

Cicli Raso in via Garibaldi 63, vicino Piazza Cavour e a 5 minuti dalla stazione ferroviaria

Onda Sport in Via Mazzini

SensaFreni Bike Shop piazza del Popolo 1

Tina e Mario Shop corso Roma 3

Molti hotel includono il noleggio bici nel prezzo

A Framura:

Noleggio Bici Pesciocan, all’inizio della galleria della Pista Ciclopedonale Levanto – Framura e punto ristoro Bar la Cueva

A Bonassola:

Bar Smash noleggio bici e punto ristoro all’inizio della galleria

Noleggio bici presso alcuni hotel

www.visitlevanto.it

www.framuraturismo.it/it


17 Responses to Ciclovia Levanto-Framura: pedalare a strapiombo sul mare

  1. Roberta Passoni Roberta Passoni scrive:

    Danilo Zonca si parteeeee

  2. Che bello onore a chi ha trasformato i binari di un treno ..in una bella strada pedalabile..evviva!

  3. Luigi Cataldi Luigi Cataldi scrive:

    Barbara Biancato Emanuela Biancato Alessandro Ferrari Pietrocataldi Francaderuvo Linda Cataldi Roberto Repetto

  4. Laura Campagnoli guarda che bello

  5. Michela Ammendola bello possiamo farlo!!!!

  6. Sandro Pratesi Sandro Pratesi scrive:

    Ho la fortuna di abitare a pochi chilometri e la consiglio soprattutto a chi ha bambini. Si fa comodamente in bici,monopattino o a piedi

  7. Ma l’hanno riaperta?Era chiusa per lavori acam

  8. Antonella Vespa Antonella Vespa scrive:

    Quanti km è lunga la pista ciclabile ?

  9. Antonella Canta Antonella Canta scrive:

    Fatta tutta a piedi nelle vacanze di carnevale!!!

  10. Luca Tulipani Luca Tulipani scrive:

    Emanuela Guarandelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *