Pontremoli

Pontremoli: alla scoperta delle misteriose statue Stele

Monferrato, panorama

Casale Monferrato: tra dolci colline e buon vino

Comments (2) Benessere, Città e Borghi, Dove Andare, Italia, Lombardia, Montagna, Viaggi

Bormio: un parco termale ai piedi dello Stelvio

In Valtellina, un piccolo gioiello non solo per gli impianti sciistici, ma anche per la gastronomia, il centro storico medioevale e soprattutto le terme.

Bormio, una panoramica

Bormio, una panoramica

Una località famosa per gli ottimi impianti a disposizione degli sciatori, parte di un comprensorio di piste per un totale di circa 170 chilometri di tracciati sulla neve. Il fiore all’occhiello è sicuramente Bormio3000, la seggiovia Valbella che porta a quota 3.012 metri per discese sugli sci davvero adrenaliniche. Ma Bormio è molto più che una semplice località invernale, è una fiorente cittadina di montagna che nel corso dei secoli ha saputo mantenere alto il suo valore grazie anche ad una risorsa molto particolare: le acque termali.

Note già al tempo dei Romani, le sorgenti di Bormio ne hanno decretato il successo durante tutto il Medioevo tanto da farne la meta vacanze preferita di molti nobili. La forte presenza patrizia si riscontra anche nello stile dei palazzi, dai portoni finemente lavorati e dalle facciate dei palazzi del centro storico spesso affrescate. Il complesso termale si compone di due strutture: i Bagni Vecchi e i Bagni Nuovi. I primi si trovano in località Valdidentro, a 3 chilometri da Bormio e sono davvero suggestivi: sei settori di cui alcuni con secoli di storia alle spalle. In particolare, è davvero emozionante entrare nelle vasche dei Bagni Romani, già menzionate nel I sec d.C.. Sorprendente è anche il paesaggio che circonda le terme: il Parco Nazionale dello Stelvio.

Terme all'aperto, Bagni Vecchi

Terme all’aperto, Bagni Vecchi

Alcune vasche sono all’aperto e sarà ancora più bello scoprire la natura da questa prospettiva privilegiata: stare a pochi centimetri dalla neve col corpo immerso nell’acqua a 40° è davvero impagabile! Sport e relax sembrano essere la parola d’ordine per chi viene a Bormio, ma anche chi cerca qualcosa di culturale e artistico sarà accontentato.
Percorrere la centrale via Roma si rivela una continua sorpresa: in ogni viuzza o vicolo si scopre un elemento interessante. Il vero pezzo forte è però piazza Cavour che ospita il Kuerc (dal dialetto bormino “coperchio”) che, insieme alla Torre Bajona (o delle Ore) che lo sovrasta, è il simbolo stesso di Bormio. Il Kuerk è una sorta di anfiteatro dove si amministrava la giustizia e fu realizzato a completamento del “coperto vecchio”, la serie di edifici che occupano il lato ovest della piazza. A destra del Kuerc si trova anche la Chiesa della Collegiata dedicata ai Santi Gervasio e Protasio, protettori del paese, e risalente addirittura al 824.

Ma gli edifici interessanti non si esauriscono nella piazza: ci sono infatti anche le chiese di San Vitale (del 1196) e di San Ignazio voluta dai Gesuiti nel 1635 e realizzata in stile barocco. Infine c’è il Palazzo dei Simoni del XVII secolo, oggi sede del Museo e del Municipio. Sono molto particolari le sue “stue”, stanze ricoperte di legno con al centro stufe di muratura, le “pigne”. Ma Bormio è anche un centro turistico di prim’ordine, con decine di botteghe e negozietti in cui perdersi e ottimi ristoranti e locali adatti a tutte le esigenze.
Se quello che cercate è un weekend per tutta la famiglia che sia allo stesso tempo dinamico e rilassante, Bormio è la cittadina che fa per voi!

Bormio, via del centro

Bormio, via del centro

SPECIALITA’ DA GUSTARE
Non si può lasciare Bormio senza aver mangiato i celeberrimi pizzoccheri: una pasta di grano saraceno condita con patate, coste e il formaggio Bitto (prodotto tipico Valtellinese) e poi gratinata al forno, la manna di tutti i golosi! Provate anche gli “sciatt”, le buonissime frittelle di formaggio, e la bresaola. Per accompagnarli puntate su un vino rosso D.O.C.G. quale “Al Carmine Inferno”.

DOVE MANGIARE
• Ristorante Al Filò, Via Dante 6, Tel. 0342 901732
• Osteria De i Magri, Via Galileo Galilei 1, Tel. 0342910456

SOSTA CAMPER
A Bormio si può sostare nel parcheggio adiacente la funivia Bormio2000, con circa 70 posti (Via Battaglion Morbegno, Tel. 0342902424, Email: info@valtline.com) . In alternativa c’è l’area sosta camper Gli Gnomi di Nasegn a Santa Caterina Valfurva (13 km) Via Forni 29 Tel +39337386386 | Email: info@agriturismonasegn.it

INFORMAZIONI

www.bormio.it
www.bormioterme.it

Piazza Cavour

2 Responses to Bormio: un parco termale ai piedi dello Stelvio

  1. Antonella Spiga scrive:

    Abbiamo sostano con il ns camper nel piazzale antistante la funivia. 8,00 € compreso carico e scarico acque. In poco tempo si raggiunge il centro di Bormio carino pulito e accogliente. Domani terme. 30.08.2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *