7 Attività per 7 giorni, Arabba è per tutti

Il respiro dei parchi: UNA Festival con Brunori Sas...

Comments (0) News Turismo

Va’ Sentiero | Una guida digitale per il trekking

Camminare, scoprire e… condividere. Dopo 7 mesi di spedizione e lavoro sul campo, i ragazzi di Va’ Sentiero mettono a disposizione del pubblico tutta la documentazione raccolta sul nuovo sito vasentiero.org: una guida digitale gratuita sul Sentiero Italia, per un totale di oltre 3.500 km recensiti, tappa per tappa.

Uno strumento pratico per promuovere il turismo consapevole nelle aree interne del Paese, che assume un significato simbolico nel post-lockdown.

Lago di Pian Palù

Se volessi programmare un’escursione sul trekking più lungo del mondo, dove cercheresti ispirazione e studieresti il tuo itinerario? Da oggi puoi farlo gratuitamente e in piena autonomia su www.vasentiero.org, il nuovo sito in cui sono raccolti dati tecnici, mappe con punti d’interesse, video, consigli esperienziali e dettagli logistici per ben 179 tappe e 3.500 km (per ora) del Sentiero Italia.

La guida è il frutto dell’esperienza diretta e dell’intenso lavoro dei ragazzi dell’associazione Va’ Sentiero, impegnati da circa un anno nel percorrere a piedi l’intero Sentiero Italia, il filo rosso tra le terre alte italiane che (con i suoi 7.000 km) vanta il titolo di trekking più lungo del mondo e collega Alpi e Appennini, attraversando 20 regioni e oltre 350 piccoli borghi montani.

Teglio. Visita ad alcuni luoghi simbolici del paese guidati dallo storico Gialuigi Garbellini. In foto, le prigioni medioevali di Teglio dove venivano inflitte le peggiori pene.

Una guida digitale per 179 tappe distribuite in 11 regioni, completa e dalla navigazione intuitiva, che per ogni itinerario mette a disposizione:

  • mappa interattiva consultabile liberamente;
  • traccia GPS, dati tecnici e profilo altimetrico;
  • descrizione del percorso;
  • percorribilità (a piedi, in bici o a cavallo);
  • highlights e punti di interesse da non perdere;
  • piatti tipici locali;
  • consigli e contatti delle strutture ricettive;
  • raggiungibilità con mezzi privati e mezzi pubblici;
  • fotografie e video.

La catena del Latemar si affaccia su Carezza con i boschi devastati dall’uragano Vaia

Una condivisione senza precedenti, nata dal basso e accessibile gratuitamente da parte di chiunque: uno strumento unico nel suo genere che in questo momento di post-lockdown assume un valore simbolico ancora più grande, dando a tutti la possibilità di lasciarsi ispirare e progettare in ogni dettaglio le proprie escursioni, ora che più che mai è fondamentale valorizzare il nostro territorio. Il sito è stato realizzato dai ragazzi della web agency milanese 150up che si sono innamorati del progetto e hanno deciso di realizzare gratuitamente il nuovo sito www.vasentiero.org per sostenerne la causa. Alla realizzazione del sito ha contribuito anche la piattaforma cartografica digitale Outdooractive, che ha fornito le mappe professionali interattive.

Al momento sono recensite le prime 179 tappe (dal Friuli-Venezia Giulia alle Marche) per un totale di circa 3.500 km: per le tappe del Centro-Sud e delle grandi Isole bisognerà attendere la conclusione della spedizione di Va’ Sentiero, prevista per il 2021. La spedizione riprenderà presto il suo cammino, dalle Marche alla Sardegna

Nei boschi delle Valli del Natisone. Friuli Venezia Giulia

Le tappe regione per regione (vedi tutte le tappe)

Gli Sponsor

Il cammino condiviso di Va’ Sentiero è passato dalla carta ai fatti anche grazie agli sponsor che hanno creduto nel progetto: Montura (capi d’abbigliamento tecnici), Ferrino (zaini, tende e sacchi a pelo), Vibram (suole ad alta aderenza per l’escursionismo) e Oxeego (calze e intimo tecnico). Le risorse economiche sono state trovate attraverso due campagne di crowdfunding di successo (di cui l’ultima ancora attiva) e al decisivo contributo di Fondazione Cariplo, F. Carispezia, Wonderful Outdoor Week, F. di Venezia, F. Agostino De Mari, F. CariLucca e F. dei Monti Uniti di Foggia. Il sito è stato realizzato gratuitamente dai ragazzi della web agency milanese 150up

 

Lascia un commento