mostra fotografica -Igpoty 10- ai Giardini di Sissi

La mostra fotografica “Igpoty 10” ai Giardini di Sissi

Rose di maggio, Foto di Gabriele Basilico 2016 © FAI

Le manifestazioni green a maggio nei beni del FAI

Comments (0) News Turismo

Engadina in estate, tutte le novità al comando

Dall’unione dei comprensori Corvatsch, Diavolezza e Lagalb nasce un nuovo favoloso scenario alpino nella regione di St. Moritz. Le tre montagne saranno co-gestite dalle società partner Diavolezza Lagalb AG e Corvatsch AG dal 1° giugno 2017. Gli impianti sul Piz Nair, nel comprensorio di Corviglia, passano invece alla Engadin St. Moritz Mountains AG.

Engadina in estate, novità al comando

L’unione fa la forza ma soprattutto nel caso della regione Engadin St. Moritz, migliora ed arricchisce l’offerta sportiva e turistica e preserva il valore delle sue montagne. Grazie agli accordi, che diverranno ufficiali dal 1° giugno 2017, i comprensori engadinesi di Corvatsch, Diavolezza e Lagalb saranno capitanati insieme dalla società per azioni Diavolezza Lagalb AG, la nuova affiliata della Corvatsch AG. La società degli impianti del Top of Engadin, con un’esemplare esperienza nel settore alpino, possiede il giusto know-how per gestire anche la Diavolezza e risollevare il destino degli impianti di Lagalb. Anche l’acquisizione di Piz Nair da parte dell’Engadin St. Moritz Mountains AG è in linea con la strategia di rinforzare l’area di Corviglia e di garantire una migliore offerta turistica integrata.

Tre cime, tre creature fantastiche: conosciamole insieme
“Corvatsch” in romancio significa grande corvo, scaltro, sorprendente e libero come il vento. “Diavolezza”, invece, evoca la sua immagine di montagna passionale, algida e ardente come una diavolessa sulle nevi. Mentre “Lagalb”, il Lago Bianco, è un luogo naturale, idilliaco e romantico. Dall’accostamento di questi tre simboli fiabeschi alla croce svizzera, nasce un nuovo logo rappresentativo di uno scenario alpino favoloso e fiero, dove ognuno trova quello che cerca sia d’estate che d’inverno: avventura, sport, quiete, delizie e benessere.

Date di apertura stagione estiva 2017.
Corvatsch: dal 17 giugno funivia Surlej- Murtèl- Corvatsch; dal 24 giugno funivia Sils- Furtschellas.
Corviglia: dal 10 giugno funivia St. Moritz Bad- Signal; dal 24 giugno funicolare St. Moritz Dorf- Chantarella- Corviglia, funivia Corviglia- Piz Nair, cabinovia Celerina- Marguns.
Diavolezza: 21 maggio (passaggio immediato dalla stagione invernale a quella estiva).
Muottas Muragl: 3 giugno.

Cosa fare in Engadina

Escursioni sul ghiacciai della Diavolezza © Engadin St. Moritz /Romano Salis

Escursioni sul ghiacciai della Diavolezza
© Engadin St. Moritz /Romano Salis

Da giugno escursioni sui ghiacciai della Diavolezza.
Gli appassionati di trekking in montagna possono prenotare dal 26 giugno al 10 settembre 2017 le escursioni giornaliere guidate dalla Scuola di Alpinismo di Pontresina (Tel. +41 81 842 82 82; info@bergsteiger-pontresina.ch) su due dei ghiacciai più spettacolari e suggestivi delle Alpi, quello del Morteratsch e del Pers, nel comprensorio della Diavolezza. Il percorso è lungo 12 km, presenta 1100 m di dislivello e dura 5 ore.

Musica e sport, due eventi top
Tra i tanti eventi dell’estate engadinese, due tra tutti emozionano e regalano adrenalina: il concerto Free Open Air Concert a Muottas Muragl, il 19 luglio, nell’ambito del Festival da Jazz, che quest’anno festeggia i suoi primi dieci anni; e i Rocky Mountain Trail Games, l’evento per mountain bike alla sua seconda edizione dall’11 al 13 agosto nel comprensorio di Corviglia. Per maggiori informazioni consultare: www.trailgames.ch

Offerta “Impianti di risalita inclusi”.
Chi prenota più di una notte in uno degli oltre 100 alberghi e appartamenti partner riceve il biglietto “Impianti di risalita inclusi” per arrivare gratis in alto alle vette engadinesi. Il biglietto offre l’accesso a tutti i 13 impianti di risalita della regione Engadin St. Moritz, per il trasporto di persone e, dove previsto, anche per mountain bike, oltre al pass per la rete di trasporti pubblici dell’Alta Engadina.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *