Project 2000 smart bed

Project 2000 lancia i prodotti “Smart Bed”

Spirit II

Spirit II: grande potenza dentro un piccolo barbecue

Comments (0) Mobilvetta, News dal mercato

Mobilvetta: superato il test climatico di grado 3

I veicoli sottoposti al test climatico sono stati KEA P 65 e KEA P 67 con sistema di riscaldamento Truma Combi 6E. La prova è stata effetturata il 21 Marzo al fine di ottenere la certificazione GRADO 3, secondo la normativa EN 1646-1 Sezione 9 in ambito di Classificazione dell’isolamento termico e del riscaldamento. Obiettivo raggiunto con successo!

Mobilvetta superato il test climatico di grado 3

I Criteri per superare il Test di GRADO 3

1) Dopo che il camper Mobilvetta è stato lasciato all’interno della camera climatica, ad una temperatura di -15°C, per un periodo di tempo superiore alle 10h, viene acceso il riscaldamento. (Figura 1, T1)
2) Entro 4 h dall’accensione del riscaldmaneto bisogna arrivare ad avere una differenza di temperatura tra l’ambiente esterno (sempre a -15°C) e quello interno del camper di almeno 35°C (Figura 1, T2)
3) La differenza di temperatura tra il punto centrale del camper, preso come riferimento per la misurazione, e gli altri punti distribuiti all’interno del mezzo deve essere inferiore ai 7 °C.
4) Una volta raggiunta la temperatura interna di 20 ° C, vi è un periodo di un’ora in cui la temperatura nel veicolo deve stabilizzarsi a 20 ° C, con una tolleranza di +/- 2 ° C (Figura 1, T3).
5) È quindi necessario verificare che, a distanza di un’ora dal termine del periodo di stabilizzazione,sia garantito il funzionamento dell’acqua potabile. Il sistema di erogazione dell’acqua potabile deve quindi essere funzionale, quando la temperatura esterna è di -15 ° C.
6) Dopo il periodo di stabilizzazione (di un’ora) occorre verificare che la temperatura nel camper sia mantenuta e misurare il relativo consumo termico per un periodo superiore alle 2 ore (Figura 1, T4).

test climatico Mobilvetta

In questo test, come richiesto dalla normativa EN 1646-1, è stata raggiunta una differenza di temperatura di 35°C nell’arco delle 4 ore di tempo disponibili.

I risultati di questo test mostrano che il veicolo testato ha superato i criteri della EN1646-1 secondo le specifiche richieste per la classificazione di Grado 3.

Nella figura sotto sono riportati i punti in cui sono stati posizionati i sensori per i rilevamenti del test

Nella figura sotto sono riportati i punti in cui sono stati posizionati i sensori per i rilevamenti del test

 

sensori

Trascorse le 2 ore durante le quali si è mantenuta la temperatura costante e si è misurato il relativo consumo termico, è stata utilizzata la termocamera per localizzare le dispersioni di calore.
In generale si è riscontrata una bassa dispersione di calore, a parte nelle zone adiacenti alle finestre/parabrezza e alle guarnizioni delle porte.
Le dispersioni di calore più critiche, ovvero in corrispondenza del parabrezza, possono essere comunque contenute con l’utilizzo degli oscuranti termici da applicare allo stesso.

Per maggiori informazioni: mobilvetta.it

  • test fase 1
  • test 2
  • test 3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *