Latefossen cascata NORVEGIA

Norvegia: istruzioni per l’uso

Molo a Plitvice

La Croazia del nord

Comments (0) Arte Cultura e Storia, Città e Borghi, Diari di viaggio, Dove Andare, Europa, Francia, Itinerari, Natura, Viaggi

Normandia e Bretagna

  • Trouville sur Mer, nella bassa Normandia
    Trouville sur Mer, nella bassa Normandia
  • Il Castello di Caen
    Il Castello di Caen
  • Mont Saint Michel
    Mont Saint Michel
  • Rue du Gros-Horloge a Rouen
    Rue du Gros-Horloge a Rouen
  • Locronan, idilliaco borgo medievale in Bretagna
    Locronan, idilliaco borgo medievale in Bretagna

Lungo un itinerario classico del turismo itinerante: un luogo che stupisce la prima volta che lo si percorre e che permette di scoprire qualcosa di nuovo ogni volta che ci si ritorna

Testo: Marco Fasola

L’identità regionale ben radicata, il fascino dell’oceano increspato e le sue coste granitiche, immense distese di sabbia affiancate ad imponenti scogliere, le tipiche case in legno e muratura e le abbazie romaniche, cittadelle fortificate contrapposte ad immense e verdi praterie, i prodotti caseari da una parte e le ostriche dall’altra e ancora, dall’eredità lasciata delle tribù neolitiche alla storia più recente, l’unicità e l’incanto di Le Mont Saint Michel che da solo vale i chilometri percorsi per venire fin qua.

Tutto ha inizio lungo la D5, poco prima che diventi parallela alla Senna: siamo nel cuore dell’Impressionismo, a pochi passi da Giverny. Qui troviamo l’attuale museo, che ospita -fedeli -riproduzioni, un tempo dimora di Claude Monet: è qui che l’artista ha creato il paesaggio perfetto per alimentare la sua arte, un giardino plurifiorito e un laghetto di ninfee attraversato da un ponticello ricostruito in stile nipponico. Qualche chilometro più a nord ed eccoci a Rouen, capoluogo dell’alta Normandia, conosciuta per la triste vicenda di Giovanna D’Arco, qui processata e arsa viva. Centinaia di irregolari case costruite con telaio di legno a vista e tamponi in mattoni caratterizzano l’acciottolato centro di Rouen. Sorta sulle rive della Senna è dalla parte delle “rive droite”, la zona più vecchia e interessante della città: nel nucleo medioevale le botteghe di antiquari e rigattieri si alternano a ristoranti invitanti. L’attrattiva principale è la cattedrale gotica di Notrè Dame, soggetto più volte studiato e raffigurato da Claude Monet durante i suoi studi sulla luce. Salta all’occhio il contrasto tra l’austera torre Saint-Romain, realizzata agli albori dello stile gotico, e la scintillante Tour De Beurre, custode di un carillon composto da cinquantacinque campane sviluppato sulla destra. All’interno la chapelle De Sainte-Jeanne è dedicata a Giovanna D’Arco. Lungo l’omonima via, il Gros Horloge rappresenta un portafortuna per gli abitanti di Rouen: un’unica lancetta segna l’ora mentre i giorni della settimana sono indicati da figure.

Lasciando il fiume alla vostra sinistra e utilizzando quando possibile le belle e paesaggistiche strade secondarie, sarete presto a Le Havre, dove per mezzo del famoso ponte di Normandia (a pedaggio), un tempo fiore all’occhiello dell’ingegneria con la sua lunga campata collegata alle due torri alte 215 metri, approderete alla foce della Senna nella suggestiva Honfleur. Le -variopinte facciate in pietra d’ardesia adornano il pittoresco porticciolo turistico del Vieux Bassin, ma è il lato opposto, l’Avant Port, che accoglie le flotte di pescherecci che riforniscono buona parte del Paese di gamberetti e sgombri. In place Sainte-Catherine troviamo una chiesa e un campanile costruiti entrambi in legno ma come strutture distinte. Separate dal fiume Touques e collegate tra loro dal Pont Des Belges troviamo l’esclusiva ed elegante Deuville, che con le sue boutique di alta moda e il casinò ostenta tutta la sua opulenza alla più sobria Trouville.

Siamo a Caen, ed è da qui che il nostro viaggio si biforca in due filoni: da una parte i verdi pascoli, le spiagge e i -suggestivi paesaggi; dall’altra la memoria e la passione per la storia, tutto quello che accadde il 6 giugno 1944 con lo sbarco in Normandia e il D-Day. L’ingresso al museo avviene per mezzo di una fenditura che taglia la spoglia facciata, quasi a ricordare la breccia che aprirono gli alleati per scacciare le truppe di Hitler, un’ottima mostra ben realizzata con foto complete di didascalie, video, proiezioni, plastici, testimonianze e armi della Seconda Guerra Mondiale. Caen è anche una vivace città universitaria e regale belle vedute camminando sui bastioni della fortezza voluta da Guglielmo il conquistatore. Riprendete la costa, dove ogni paese offre un’affascinante spettacolo sull’oceano e pressochè ovunque potrete trovare piccoli musei del D-Day. Sono ancora presenti i resti degli enormi cassoni di cemento utilizzati dagli alleati per costruire porti prefabbricati, mentre a Lougues Sur Mer sono ancora intatte le casematte e i massicci cannoni da 152mm.

Spostiamoci ora a Bayeaux, lontana appena sette chilometri. Attraversata dal fiume Aure, con le sue case in pietra dove è ancora visibile un piccolo mulino ad acqua ed arricchita dalla bella cattedrale gotico normanna del XIII secolo, Bayeaux è famosa in tutto il mondo per il suo arazzo ben conservato nel museo De La Tapisserie. L’inestimabile striscia di prezioso tessuto racconta la storia della conquista normanna e degli eventi che la -determinarono. Qui l’American Military Cemetery rappresenta uno dei memoriali più impressionanti al mondo: un’infinita distesa di croci bianche e di David poste l’una accanto all’altra vi toglieranno le parole di bocca. Omaha Beach è una splendida e grandissima spiaggia di sabbia chiara e fine dove il vento soffia forte portando con se il profumo dell’oceano. Oggi non vi è più alcuna testimonianza dello sbarco alleato. Altro sito che gli appassionati di storia non possono perdere è Pointe Du Hoc, appezzamento di terra donato ad uso perpetuo dalla Francia agli Stati Uniti dove tutto è rimasto come allora o quasi: sono ancora visibili i crateri provocati dalle bombe sganciate dall’aviazione! Privilegiando i percorsi litoranei è facile farsi attirare da banchetti che vendono le ostriche qui allevate. Se vi piace il genere, approfittatene, sono freschissime e ottime per un aperitivo!

Eccoci dove la Bretagna e la Normandia si sfiorano quasi a volersi contendere quell’isolotto tanto bello quanto unico, quella piramide gotica che con la sua guglia svettante riesce a farsi ammirare già da lontano, un luogo in cui il fascino irresistibile è arricchito dalla magia della marea che ad un’ora l’abbraccia e ad un’altra si allontana, un naturale gioco di acqua e colori che rende superfluo ricordare che le Mont Saint Michel fu una delle prime località inserite nella lista dei patrimoni dell’Unesco nel 1979. L’accesso avviene unicamente attraversando la porta arcata con ponte levatoio de L’Avanceè  che vi introduce nella Grand rue pavimentata con sanpietrini. Musei, negozi di souvenir e ristoranti vi accompagneranno fino all’abbazia, la cui chiesa alterna il romanico stile della -navata -maggiore al gotico fiammeggiante del coro. Visitiamo ora l’antica città fortificata di St. Malò: un tempo era un’isola collegata alla terra ferma grazie ad un istmo di sabbia. Passeggiate per le strette vie della cittadella oppure sui più tranquilli bastioni che racchiudono il nucleo più datato; approfittate della bassa marea per fare una piccola escursione sull’Ile Du Gran Bè, ma non dimenticate di tenere d’occhio il livello dell’acqua che sale molto più rapidamente di quanto vi aspettiate, se avete perplessità informatevi all’ufficio del turismo sugli orari delle maree. Leggermente più a sud (45 km), incontriamo Dinan, con le sue case in legno e muratura, la torre dell’orologio e la basilica: una buona veduta si ottiene guardando il porto vecchio dall’alto. Prima di portarci nella zona della costa di granito rosa, una tappa d’obbligo è Cap Frèhel (45 km). Le sue scogliere alte 70 metri e il faro a torre quadrata alto 30 metri che domina il mare regalano emozioni uniche da tanto belle.  Una tragitto di circa 170 chilometri ci porterà ora nella curiosa località di Locronan: qui il tempo sembra si sia fermato al XVIII secolo. Una delle caratteristiche principali del borgo antico è la completa assenza di cavi elettrici e telefonici. La località è stata scelta da molti registi e vi sono stati girati film storici. A circa 45 km troviamo Pointe Du Raz: il promontorio, delimitato da -alte -falesie, si raggiunge per mezzo di un sentiero costiero lungo circa 800 metri, il luogo migliore dove godersi in piena tranquillità un suggestivo tramonto sul mare. Dalla tipica città bretone di Quimper, passando per la fortificata Concarnau ci accingiamo a raggiungere la pittoresca Pont Aven, che con il suo ponte da il nome al paese. Un tempo era un porto costiero ricco di mulini nonché luogo frequentato da artisti squattrinati: uno su tutti Paul Gaugin. Numerose gallerie offrono al turista dai semplici souvenir alle vere e proprie opere d’arte; non mancate di acquistare le inimitabili burrose gallette e concedetevi una romantica escursione in battello.

Cucina tipica
Il fiore all’occhiello della regione sono i formaggi: è infatti nella bassa Normandia che nasce il gustoso e cremoso Camembert. I derivati del latte danno vita ad una varietà di salse al burro e panna che sono onnipresenti nell’elaborata cucina locale accompagnando pietanze a base di pesce come la sole normanne, sogliola con salse bianche, ma anche piatti di carne come la trippa e il caneton rouennais, piatto a base d’anatra tipico di Rouen. Piuttosto diffuso anche il sanguinaccio, composto da sangue e grasso di maiale e cipolla. Decisamente più semplice e meno sofisticata è la cucina bretone, basata soprattutto sulla varietà del pescato che è di ottima qualità. Frutti di mare e pesci, ma anche le prelibate ostriche di Cancale o i granchi di St.Malò, un ottimo branzino cotto in crosta di sale accompagnato da la cotriade, zuppa di pesce e molluschi. Celebre piatto è anche l’homard a l’armoricaine, ovvero astice cotto alla fiamma con vino bianco e brandy. Al contrario della maggior parte del resto di Francia da queste parti non viene prodotto vino, le specialità sono l’amato sidro che dopo la fermentazione assume una modesta gradazione alcolica. Di questa zona il focoso Calvados. •

SOSTA CAMPER

Di seguito alcune possibilità di sosta con camper service:
• Arromanches, Rue Francois Carpentier – GPS: N 49.33904 W(E) 0.62553
• Bayeaux, Place Gauquelin Despalliers – GPS: N 49.28044 W(E) 0.70775
• Deauville: Blvd Des Sports – GPS: N 49°21’26.09” E 0°05’03.49” (Google Earth)
• Honfleur: Bassin Carnut – GPS: N 49°24’58.74” E 0°14’45.95” (Google Earth)
• Concarnau: Av. De La Gare  – GPS: N 47.87864 W(E) 3.92020
• Locronan: Rue Du Priorè – GPS: N 48.09811 W(E) 4.21245
• Pont Aven: Rue Louis Comenech – GPS: N 47.85694 W(E) 3.74280
• Rouen (Deville les Rouen), Camping municipal rue Jules Ferry
GPS N 49°28’13.03” E 1°02’49.96” (Google Earth)

 

Comments are closed.