...
Innsbruck, sci a kuthai

Innsbruck: sciare in città

Panoramica su Urbino

La rinascimentale Urbino

Comments (0) Dove Andare, In bici, Italia, Mete, Natura, Parchi e Giardini, Sport e Avventura, Trentino Alto Adige, Viaggi

Il Parco Naturale Adamello Brenta… in Bici!

  • Adamello Brenta, panoramica
    Trentino, Adamello Brenta, panoramica
  • Adamello Brenta, scoprirlo in bici
    Trentino, Adamello Brenta, scoprirlo in bici
  • Adamello Brenta, panorami da non perdere in bici
    Trentino, Adamello Brenta, panorami da non perdere in bici
  • Adamello Brenta, rigenerante in bici
    Trentino, Adamello Brenta, rigenerante in bici
  • Adamello Brenta, pausa durante l'itinerario
    Trentino, Adamello Brenta, pausa durante l'itinerario
  • Adamello Brenta, in bici con la famiglia
    Trentino, Adamello Brenta, in bici con la famiglia

170 km di emozioni in MTB: è questa la promessa del “Dolomiti di Brenta Bike”, una proposta per gli amanti della natura da scoprire in sella alla bici. Un percorso ad anello che consente di compiere l’intero giro delle Dolomiti di Brenta attraverso luoghi incantevoli e godendo di panorami mozzafiato.

L’anello lambisce per tutta la sua lunghezza il territorio del Parco Naturale Adamello Brenta, la più vasta area protetta del Trentino. Ma torniamo ai numeri: 171 km e 7.700 metri di dislivello totale per il percorso “Dolomiti di Brenta MTB” dedicato ai bikers più esigenti; sono invece 136 i km del percorso “Family Bike”, un tracciato più facile, adatto anche a chi non ha un grande allenamento, che riduce il dislivello a 4.600 metri dando la possibilità di superare i tratti più impegnativi con i servizi di mobilità, individuando percorsi alternativi e sfruttando la rete di piste ciclabili esistenti. La lunghezza del percorso ne consiglia la suddivisione in tappe; ogni biker nel sito potrà perciò costruirsi un suo personale itinerario grazie ad uno speciale programma che utilizza un sistema integrato con Google Maps & Earth. Digitando il punto di partenza e il punto di arrivo desiderati il sistema fornirà il road book e le tracce gps dell’itinerario su misura. Ma soprattutto indicherà, oltre alle caratteristiche tecniche, le informazioni di carattere storico, artistico e naturalistico dei luoghi attraversati. L’invito è infatti quello di soffermarsi ad osservare, a visitare, ad ammirare e a respirare l’atmosfera dei luoghi.

Il Dolomiti di Brenta Bike vuole infatti essere un’occasione per scoprire questa parte di Trentino; le località più note ma soprattutto quelle più lontane dai tradizionali flussi del turismo montano.

L’offerta degli amanti delle due ruote comunque non si limita esclusivamente al percorso completo attorno alle Dolomiti di Brenta, ma si arricchisce di numerose varianti che daranno la possibilità agli sportivi più esperti di scegliere dei passaggi più tecnici e ai cicloturisti delle varianti più soft per scoprire con calma la ricchezza del territorio.

Tutti i biker avranno la possibilità visitando il sito www.dolomitibrentabike.it di costruire degli itinerari personalizzati in base alle esigenze di ogni singolo, scaricare le mappe gps dell’intero percorso, le tracce, le altimetrie, le schede tecniche così come i road book. Lungo il tracciato il biker è aiutato dalla segnaletica che fornisce tutte le informazioni utili. Inoltre, è disponibile una cartina completa anche delle informazioni di servizio: punti di ristoro, servizi di assistenza e hotel specializzati. Proprio sull’ospitalità a misura di biker c’è stato un impegno particolare. Sono una settantina le strutture, distribuite nei sei ambiti turistici attraversati dal percorso, pronte ad accogliere i turisti in bicicletta. Tutte sono dotate di locali attrezzati per il ricovero delle bici, con officina equipaggiata per le piccole riparazioni e che si sono impegnate in un’ospitalità su misura.

Il Dolomiti di Brenta Bike è un progetto inserito nella Carta Europea del Turismo Sostenibile adottata nel 2006 dal Parco Naturale Adamello Brenta e sottoscritta dagli enti turistici impegnati nel progetto interambito: Madonna di Campiglio – Pinzolo – Val Rendena, Giudicarie Centrali, Terme di Comano – Dolomiti di Brenta, Altopiano della Paganella, Val di Non e Val di Sole. Questo la dice lunga sugli obiettivi che il progetto si propone: promuovere un turismo rispettoso dell’ambiente, che sappia apprezzare e rispettare il patrimonio naturalistico. Un’ottima occasione per scoprire le bellezze del territorio e vivere nuove emozioni immersi in una natura ancora amica, da gustare lungo innumerevoli itinerari tra suggestivi borghi rurali e castelli, malghe e rifugi.

Un turismo slow, amante della montagna non solo quella “estrema” delle cime dolomitiche; Il DBB è infatti caratterizzato da una grande varietà di paesaggi:

partendo dai dolci altopiani del Bleggio e del Lomaso che degradano verso il Garda attraverso foreste e laghetti alpini, antiche vie acciottolate, forre, cascate, malghe e pascoli, l’intero percorso offre scorci ancora intatti che conducono alla scoperta di orizzonti sempre nuovi.

Ogni singolo territorio si propone inoltre con una ricca offerta turistica che lungo i numerosi itinerari locali per MTB regala inaspettate bellezze, impronte di storia, villaggi rurali, malghe e alpeggi di un ambiente vissuto e da vivere in un territorio dove la natura è sempre sull’uscio: un’occasione per rallentare la corsa e vivere appieno questi angoli di Trentino.

“Dolomiti di Brenta Bike”: una soluzione ottimale per chi è alla ricerca di una vacanza attiva piena di emozioni!

Il Parco Naturale Adamello Brenta

Il Parco Naturale Adamello Brenta è la più vasta area protetta del Trentino, situato nella parte occidentale, con i suoi 620 kmq comprende i gruppi montuosi dell’Adamello e del Brenta, separati dalla Val Rendena e compresi tra le valli di Non, di Sole e Giudicarie. Lungo tutto il percorso Dolomiti di Brenta Bike si incontrano numerose “Case del Parco” tra le quali “Il mistero del Lago Rosso” in val di Tovel, “C’era una volta…” a San Lorenzo in Banale, la “Casa dell’Orso” a Spormaggiore, la “Casa della Flora” a Stenico, la Foresteria a San Antonio di Mavignola. www.pnab.it

Scorci da scoprire
Le fatiche della MTB saranno appagate da scenari mozzafiato e borghi incantati: Iron il paese fantasma, le cascate di Vallesinella e di Rio Bianco, i meleti della Val di Non, Monclassico il paese delle meridiane, la segheria veneziana e il lago di Molveno.

Una finestra sul passato
Numerose sono le testimonianze storiche sul territorio che sono rappresentate dai castelli sparsi lungo tutto l’anello: Castel Stenico nei pressi delle Terme di Comano, Castel Caldes in Val di Sole, Castel Belfort e molti altri in Val di Non.

INFORMAZIONI
www.dolomitibrentabike.it

 

Febbraio 2009

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *