...
Non un ripiego, ma una vera e motivata scelta quella della tenda

Un telo per tetto: vacanze in tenda!

energia

Energia e acqua: cosa fare per avere più autosufficienza

Comments (0) Mercato, Primi Passi

Intrattenimento a bordo

Carte da gioco, giochi da tavola, libri e riviste, questi sono gli intrattenimenti più classici ed economici. Ma a molti non basta. Per costoro, televisione, videogame, lettore DVD, non devono mai mancare a bordo. La televisione che va per la maggiore è quella a schermo piatto, estremamente più compatta di quella a tubo catodico. Tutti i nuovi camper hanno un vano attrezzato con un braccio orientabile sul quale installare lo schermo. Presso i rivenditori di accessori camper trovate le TV adatte per funzionare a 12 volt. E lo stesso dicasi per lettori DVD e altri accessori. Il problema resta la ricezione. Il segnale analogico, infatti, fuori dai centri abitati è problematico anche con le numerosissime antenne amplificate da sistemare sul tetto del camper. Per questo molti preferiscono optare per l’antenna satellitare che con decoder ed eventuali abbonamenti, permette di vedere i propri spettacoli preferiti. Naturalmente questa è anche la scelta più costosa, specie con le antenne motorizzate a puntamento automatico.
Ascoltare musica con un impianto di qualità è possibile. La sorgente trova alloggio nella plancia della cabina e in cellula possono essere sistemati gli altoparlanti per la diffusione ottimale della musica.
Ma qual’è il miglior intrattenimento per i piccoli viaggiatori? Secondo noi rimangono le canzoni cantate in compagnia, le storie vere o le più fantastiche raccontate in viaggio, gli indovinelli, i giochi di parole – mare, barca, pescatore, pesce, mercato, frutta… – il gioco del “gira la ruota” – A, B, C, D dimmi le parole che iniziano con la lettera D – o dell’indovina cosa c’è dopo quella curva; e ancora il giocare al piccolo esploratore, costruire qualcosa con mamma e papà, aiutarli nei piccoli lavoretti di routine come lavare i piatti, preparare una macedonia, costruite un aquilone, riparare la bicicletta…  questi bambini, questi ragazzi, un giorno ci ringrazieranno, e noi avremo più avanti tutto il tempo per trascorrere ore di lettura in pace ripensando ai bei momenti vissuti con i nostri figli e quasi sicuramente ci mancheranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *